Loading...
Il 20 agosto 2018 a Stoccolma l'allora quindicenne Greta Thunberg decise di non andare a scuola e di sedersi invece davanti alla sede del parlamento svedese con un cartello in mano per protestare contro l'inazione del governo di fronte al riscaldamento globale e al cambiamento climatico. Da quel giorno, per tutti i venerdì successivi Greta ha proseguito il suo personale "sciopero scolastico", giunto ormai alla ventiseiesima settimana. Il suo gesto ha ispirato centinaia di migliaia di ragazzi che in tutte le città del mondo hanno organizzato scioperi e manifestazioni per chiedere interventi urgenti della politica sui temi ambientali. Nel frattempo, la popolarità della giovane attivista svedese è cresciuta (e con essa anche le critiche di chi la ritene troppo estremista o manovrata dall'esterno): Greta è stata invitata sui palchi delle Nazioni Unite e di Davos. Ora è arrivata a Bruxelles per portare la sua causa nel cuore dell'Europa, parlando all'evento "rEUnaissance" in una delle sedi della Commissione Europea, davanti alla massima autorità della Ue, il presidente della Commissione Juncker. .  .  .Video di Marco Billeci 

Comments

Leave a Reply